Home Senza categoria Perfect View “Hold Your Dreams”

Perfect View “Hold Your Dreams”

253
0

Ho saputo di questo CD grazie al bassista Frank, che ebbi il piacere di conoscere anni fa quando militava nei Landslide Ladies. In realtà Frank, è l’ultimo arrivato in casa Perfect View, poiché il progetto nasce da una costola degli Xteria (di cui dovrei avere un CD a casa che mi ascolterò al più presto) nel 2008 dal batterista Luca “Luke” Ferraresi, dal chitarrista Francesco “Joe” Cataldo, dal cantante Massimiliano “Max” Ordine, dal tastierista Pier Mazzini e dal bassista Cristian “Cris” Guerzoni sostituito proprio lo scorso marzo da “Capitan Hollywood”.

Con un background decisamente hard rock e Aor, i cinque hanno pubblicato nel 2010 “Hold Your Dreams” per l’attiva Avenue Of Allies e nel loro piccolo, sono riusciti a catapultarmi indietro negli anni, quando mi cibavo di “Rock Adulto”.
Dopo l’ascolto ho avuto l’impressione di trovarmi davanti ad una versione Aor dei Winter Rose, gruppo Class Metal che vedeva alla voce James LaBrie prima di diventare famoso con il “Teatro Dei Sogni“, ed è proprio la sua timbrica vocale a ricordami molto quella di Max, che si trova a suo agio sia nei pezzi più melodici ed ariosi, che in quelli più lenti.
In casa Perfect View il tempo sembra si sia fermato a metà anni 80, quando i tasti d’avorio avevano un ruolo primario nelle composizioni dei gruppi rock e così non posso far a meno di nominare alcune delle influenze che ho riscontrato in questo disco: Journey (“Closer”), Toto e Dream Theater (quelli di “Images And Words“) in primis, ma ci aggiungerei anche i canadesi Saga e i Queensrÿche.

Attenti però, sto parlando d’influenze, perché le tracce sono Aor al 100% e le venature “progressive” ci sono solo in “Showtime”, per il resto cromato rock melodico che ha i suoi picchi in “I Need Your Love”, nella pomposa “One More Time” (Uh, mi riascolterò anche i Red Dawn), in “Run” (in brano più “tirato” del disco) e nella lenta “Where’s The Love”.
Probabilmente il genere non ha più grandi cose da dire, ma bisogna comunque evidenziare che in Italia abbiamo ancora qualche colpo in canna da sparare.
Gli Aor-lovers sono avvisati!

Frontiers Records

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.