Questo giovane gruppo veronese sembra sia cresciuto sotto i palchi dei concerti dei concittadini BullFrog perchè in Whiskey For Breakfast sono molto evidenti le influenze settantiane dei 5.
La città di Romeo e Giulietta regala agli estimatori del classic rock un’altro nome da tenere d’occhio, perchè nelle 7 tracce proposte, si denota un’ottima capacità strumentale e delle buone intuizioni per quanto riguarda la stesura dei pezzi… i pezzi, come potete immaginare i The Roadless non inventano nulla di nuovo, perchè avranno passato l’adolescenza ascoltando i vinili dei loro genitori… dei Creedence Clearwater Revival, dei Jefferson Airplane e dei Rolling Stones e li hanno messi a palla, mentre i loro coetani facevano la fila all’Arena per vedere la finale del Festivalbar.
Una produzione sopra la media che rende i suoni di Whiskey For Breakfast un prodotto molto professionale, con punti di forza nelle chitarre di Aldegheri e Ruffo, nella ruffiana “Lucky” e nella simpatica nonnina in copertina… ora sarei curioso di vederli dal vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.