Home news Gotthard: brani inediti per Steve Lee

Gotthard: brani inediti per Steve Lee

er il decimo anniversario della scomparsa di STEVE LEE, i GOTTHARD si inchinano al loro frontman con THE EYES OF A TIGER e propongono due brani inediti.

344
0
Gotthard: brani inediti per Steve Lee

“Per me, fare musica e scrivere canzoni è sempre stata la cosa più importante – ma non essere famoso. Stiamo solo cercando di trovare noi stessi, dopo tutto.” – Steve Lee2010

Come si fa a onorare una leggenda? Qualcuno che è diventato immortale attraverso le sue canzoni, la sua voce e la sua natura – e dieci anni dopo il tragico incidente, è ancora vivo nel cuore degli amici, dei colleghi e dei fan. Cosa diresti di un cantante tra i migliori al mondo del suo genere, che non ha mai perso il contatto con il mondo reale? È possibile solo con la musica. Per il decimo anniversario della scomparsa di STEVE LEE, i GOTTHARD si inchinano al loro frontman con THE EYES OF A TIGER e propongono due brani inediti – tra cui l’omonima EYE OF THE TIGER in due diverse registrazioni – e undici versioni intime di loro brani classici: eseguite dai GOTTHARD – cantate da STEVE LEE.

STEVE LEE è nato nel 1963 a Horgen, figlio di padre inglese e madre svizzera, e successivamente si è trasferito nel Canton Ticino con la sua famiglia. Pur avendo comprato la sua prima batteria all’età di 12 anni e sapendo che la sua vita avrebbe ruotato intorno alla musica, il giovane con i piedi per terra ha completato un apprendistato come orafo prima di diventare batterista a 25 anni. “Quando vidi Steve per la prima volta, era seduto dietro la sua batteria e cantava “Child in Time”, il classico dei Deep Purple”, ricorda Leo Leoni. “Sono rimasto colpito dal modo in cui ha cantato la canzone e ho capito subito: questa è una voce che può conquistare il mondo”. Tutti volevano un cantante come STEVE LEE – la sua musicalità, la sua passione e la sua integrità potevano cambiare un’intera canzone ed entusiasmare colleghi, produttori e pubblico.

E questo, senza mai puntare al ruolo di frontman: poiché il cantante della sua prima band aveva lasciato il gruppo con poco preavviso, fu convinto a prendere il microfono e rimase effettivamente scioccato di cantare da solista di fronte a 8000 persone. Anche successivamente – durante i suoi 18 anni con i GOTTHARD, compresa la loro ascesa a gruppo di maggior successo in Svizzera, quattordici album al numero 1, e tour da headliner a livello mondiale e tour di supporto ai Deep Purple, Bon Jovi, o AC/DC – STEVE LEE non è mai stato troppo sicuro. “Credeva abbastanza nel suo talento”, spiega Leoni, “ma era anche scettico. L’ho sempre incoraggiato a sfruttare al meglio il suo strumento. Aveva un dono”. – Il resto è storia della musica.

Il 5 ottobre 2010, da un secondo all’altro, la storia si è capovolta quando STEVE LEE è morto in un incidente, lasciando il mondo del rock a bocca aperta, ben oltre i confini della Svizzera. Il fatto che i GOTTHARD siano sopravvissuti all’impensabile perdita del loro cantante contro ogni aspettativa, è stato solo un miracolo – reso possibile dal profondo amore per la loro musica, che ha sempre connesso STEVE LEE con Habegger, Leoni, Lynn e Scherer, così come la fortuna di trovare un vero e proprio membro della famiglia con Nic Maeder invece di un semplice sostituto. Con Maeder ai cori, i GOTTHARD onorano il loro indimenticato amico con undici canzoni, mai presentate prima in questa forma semplificata, oltre a due brani inediti. Oltre a TAROT WOMAN, ci sono due versioni del classico del 1982 EYE OF THE TIGER – una delle preferite in assoluto di STEVE LEE, che esce oggi come singolo in anteprima dell’album in tempo per il suo compleanno. “Avevamo programmato di fare un concerto commemorativo per molto tempo quando il Covid-19 ha cambiato tutto. Così, ci è venuta l’idea di realizzare un album tributo con Steve per i nostri fan e per noi – come ulteriore ricordo di questo cantante singolare e indimenticabile. Vogliamo accendere un faro per far capire che fa ancora parte di questa band e che lo sarà per sempre”.

Quando le registrazioni del gruppo sono emerse dagli archivi della band, si sono rivelate un tesoro che doveva essere condiviso con il mondo. Con infinito amore per i dettagli, si è sviluppato un album magico – non da ultimo per la possibilità quasi trascendentale di sentire di nuovo cantare STEVE LEE: “Non avrei mai pensato che sarebbe stato possibile fare di nuovo un album con la sua voce unica. Registrare le linee di basso è stato molto emozionante per me”, condivide Marc, e Freddy aggiunge: “L’ultima sessione di registrazione di Steve mi riporta alla mente tanti ricordi – dei nostri concerti, ma anche di quanto fosse un grande cantante”. Con l’album “Steve Lee – The Eyes Of A Tiger: In Memory Of Our Unforgotten Friend!”, il 2 ottobre i GOTTHARD partono per un viaggio nel tempo altamente emotivo – e invitano tutti coloro che sono stati toccati dalla voce di STEVE LEE.

Un viaggio che si sofferma sui palchi di tutto il mondo e che non è terminato sulla ‘Highway to Hell’ in Nevada dieci anni fa. Perché con le parole di Nic Maeder: “Steve è amato – veramente amato. Da molte persone.”

STEVE LEE – THE EYES OF A TIGER: IN MEMORY OF OUR UNFORGOTTEN FRIEND!

TRACKLISTING
1. One Life One Soul
2. Let It Be
3. In The Name
4. Lonely People
5. Heaven
6. Need To Believe
7. Lift U Up
8. Hush
9. First Time In A Long Time 10. Tarot Woman
11. And Then Goodbye
12. The Train
13. Eye Of The Tiger

BONUSTRACK:
Eye Of The Tiger (Electric Version)

Pre-ordina l’album qui: http://nblast.de/Gotthard-TEOAT
Salva in anteprima in digitale:  http://nblast.de/GotthardTEOATpreSave

GOTTHARD ONLINE:
www.gotthard.com
www.facebook.com/Gotthard
www.twitter.com/Gotthard

Frontiers Records

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.