25 years

Honey Hellraiser “Pick Your Poison”

Gli Honey Hellraiser emergono prepotentemente dal brulicante underground scandinavo, firmando un disco che potrebbe portarli a diventare uno dei migliori gruppi partoriti dalla Finlandia negli utlimi anni.

Nati nell’inverno del 2008 e con una manciata di demo e singoli alle spalle, sono tornati sul mercato con un lavoro che seppur derivativo, mi ha fatto tenere il volume alto dello stereo per tutta la sua durata, con il singer Mick Melody che in certi passaggi mi ha portato alla mente la timbrica di Johnny Solinger e userei proprio gli ultimi Skid Row per inquadrare il sound di brani come “Tomahtoes” o il party rock di “Nothing But, Nothing But Right” (che vede come ospiti Stala e Sami J.).

Sette i brani contenuti in questo “Pick Your Poison”, disco di party rock dalle variegate sfumature punk che alterna pezzi più sculettanti come l’opener “Bottoms Up” (un’ipotetica versione sleaze punk di Andrew WK), più “pompati” (come nel caso di “Hey Honey” e “Toxico”), più vicini al repertorio dei Babylon Bombs e decisamente punk oriented (“Days Of Thunder” e “Turn Off The City Lights”).

Gli Honey Hellraiser non mancano il colpo, inanellando un altro grappolo di pezzi tra le quali è veramente difficile trovarne una debole, un album che coinvolge dall’inizio alla fine.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=D2LKnj4pjks&feature=youtu.be’]

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
Email
Print
On Key

Related Posts

Cherry St. Tom Mathers

Cherry St. & Perris Records: Tom Mathers

Usciti da poco con la ristampa del loro cd di debutto, i Cherry St. ne abbiamo approfittato per scambiare due chiacchere con il leader e fondatore Tom Mathers, ci ha parlato della nascita della band e della sua etichetta, la Perris Records.

Donna Cannone

Donna Cannone: pubblicano oggi il debutto omonimo

I DONNA CANNONE, gruppo svedese di rock n roll melodico, con due ex Thundermother e il leader di Soilwork/The Night Flight Orchestra Björn Strid, tra le proprie fila, pubblicano oggi l’album di debutto omonimo su Despotz Records.