Orgia Fuxia: il trailer del documentario sulla scena rock di Padova

Orgia Fuxia
Una città, 20 anni di fermento musicale e 50 interviste realizzate a cavallo della pandemia: questi gli ingredienti di una storia che doveva ancora essere raccontata.

Tra i suoi protagonisti Bastet, Crackhouse, Baby Ruth, Frutteti Riarsi, La Roxx, Positiva, Happy Gays, Acajou, Alex De Rosso, Statobardo, Al Capone Ride, Side One, Lovin Dolls, Pink Lizard e molti altri.

Padova, 18 novembre 2021 – Prima dei social, prima degli smartphone, prima di “X-Factor”, il rock viveva sul palco, nutrendosi di applausi, sudore e sogni. E se eri italiano e avevi una band, il posto giusto per suonare era Padova. Lo racconta ‘www.velvetpunkmedia.com, il primo documentario indipendente sulla realtà musicale underground padovana dall’inizio degli anni ’90 al 2010, girato nel bel mezzo della pandemia e in uscita nel 2022.

Prodotto dalla casa di produzione cinematografica Velvet Punk (www.velvetpunkmedia.com), ‘www.velvetpunkmedia.com racconta, attraverso un montaggio dinamico, fatto di interviste, materiale d’archivio e parti narrate, vent’anni di storia rock di una città viva, palcoscenico di un fermento musicale irripetibile attraverso la voce di chi, in quegli anni, era in prima linea: si va dai Bastet ai Crackhouse, dai Baby Ruth ai Frutteti Riarsi, dai Positiva ai Pink Lizard, passando per gli Happy Gays, gli Acajou, i Lovin Dolls, Alex De Rosso, gli Statobardo, Al Capone Ride, i Side One e i La Roxx. Testimonianze guidate dalla voce narrante di Alessandro Pittoni, che è anche regista, produttore e autore del docufilm, e seguite dalla macchina da presa di Stefano Pagura, che di ‘Orgia Fuxia’ firma anche la direzione della fotografia e il montaggio.

Per raccontare questa storia, Pittoni – già produttore associato di ‘Dampyr’, il primo cinecomic italiano in uscita nel 2022 – ha coinvolto e interpellato oltre 100 persone, tra band, fan, hater, gestori dei locali, giornalisti e critici musicali per raccogliere contatti, aneddoti e particolari utili alla narrazione, oltre che una mole impressionante di materiale di repertorio: più di 30 ore di video di concerti, centinaia di foto, locandine e flyer. Un vero e proprio lavoro di squadra che ha reso possibile la realizzazione del primo documentario sull’ultima orgia rock che ha travolto Padova.

Orgia Fuxia’, di cui vi mostriamo di seguito il primo trailer, è stato così raccontato dal suo autore: «Questo è un documentario che racconta un concetto universale, il sogno di diventare una rockstar, calandolo in una realtà locale come quella padovana. È una storia di treni persi e treni presi, di exploit clamorosi e di rovinose cadute, di due generazioni di adolescenti che hanno trovato loro stessi salendo sopra un palco. È una riflessione su cosa significhi davvero avere successo, sulla necessità di ritagliarsi una vita che ci rappresenti, a costo di abbandonare la strada più facile per quella più difficile, ma che ci appartiene. Ci abbiamo messo più di un anno per girare 50 interviste, ed è stato catartico ritrovarsi nei percorsi di vita degli intervistati. Un’esperienza che porterò sempre con me».

www.velvetpunkmedia.com

Share:

On Key

Related Posts

Disclaimer

SLAM! non intende violare alcun copyright. Le informazioni e le immagini raccolte sono al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio e sono riportate al fine di diffondere notizie relative agli artisti e alla musica rock, senza nessun scopo di lucro. Se, involontariamente è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo e provvederemo immediatamente a rimuoverle.