25 years

The Brink “Would You Love Her”

Proprio qualche giorno fa ero in macchina che ascoltavo “Welcome To Wasteland” dei Bad City e riflettevo sul fatto che ultimamente non mi era ancora capitato di sentire un gruppo di pischelli con un valido album sul mercato.
Poi è successo che mi è arrivato questo disco, l’artwork mi ha fatto subito pensare ad un gruppo punk, ma in realtà i The Brink sono un fresco e motivato quintetto inglese con all’attivo due Ep e descritti dalla stessa band come un mix di influenze di Bon Jovi, All American Rejects, Aerosmith con la vena pop dei Thin Lizzy e ascoltando “Would You Love Her” posso confermare tranquillamente questa affermazione.

Si parte alla grande con “I Know”, un Rock con la “R” maiuscola dove i cinque ci fanno sentire come potrebbero essere stati i Quireboys se fossero nati nel New Jersey negli anni 80, si prosegue con due buoni esempi di melodic hard rock come “One Night Only” e “Broken Romance”, per poi arrivare a “Never Again” dove si fanno sentire arrangiamenti più moderni.
Se volete sapere invece come potrebbe essere un cocktail tra i Bon Jovi e i Reckless Love date un’ascoltata a “Jessie”, mentre se volete sapere come suonerebbero gli Hinder lavati col Coccolino allora provate a selezionare il brno dal titolo “I Want It”.

Il disco presenta altri spunti molto interessanti, come nel caso del rock americano di “Would You Love Her”, nella losangelina “Said and Done” e negli hard rock stradaioli di “Skinstar” e “Fairytale”, quest’ultima uno dei migliori brani di tutta la release.

Sarà che non avevo nessun tipo di aspettativa da questo lavoro, ma sta di fatto che ne sono rimasto piacevolmente sorpreso.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=nUuYiCtr1IY&feature=youtu.be’]

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
Email
Print
On Key

Related Posts

Cherry St. Tom Mathers

Cherry St. & Perris Records: Tom Mathers

Usciti da poco con la ristampa del loro cd di debutto, i Cherry St. ne abbiamo approfittato per scambiare due chiacchere con il leader e fondatore Tom Mathers, ci ha parlato della nascita della band e della sua etichetta, la Perris Records.

Donna Cannone

Donna Cannone: pubblicano oggi il debutto omonimo

I DONNA CANNONE, gruppo svedese di rock n roll melodico, con due ex Thundermother e il leader di Soilwork/The Night Flight Orchestra Björn Strid, tra le proprie fila, pubblicano oggi l’album di debutto omonimo su Despotz Records.