25 years

Edizione italiana dell’autobiografia di Vince Neil

“Molte persone mi hanno detto che non ho raccontato molto in The Dirt. Forse è vero. Non l’ho letto. Non sono molto loquace. Non mi piace parlare di come mi sento e cazzate varie. È una stronzata.

Tutti questi anni di riabilitazione e assistenza psicologica… non posso dire di averne ricavato poi molto. Con tutte quelle cure dovrei essere guarito ora, non credi? È un miracolo se siamo sopravvissuti a tutto. Una bottiglia di Jack Daniel’s e un pacchetto di hot dog crudi non fanno una dieta ben bilanciata. Siamo fortunati a non averci rimesso la pelle.

Poteva sembrare che ci stavamo provando ma, parlando per me stesso, la morte non è mai stato il mio obiettivo. Volevo solo sentirmi bene, capisci no? Cercavo solo la botta, lo sballo…
Di questi tempi gestisco diversi affari. È sicuramente più sano di una siringa piena di polvere di coca come quelle che mi facevo nell’81 con la mia ragazza Lovey, poco ma sicuro.
Ma bisogna ammetterlo… quei giorni sono molto più divertenti da raccontare”.

Tattoos & Tequila” è l’autobiografia senza freni e senza censure di Vince Neil, storico cantante dei MOTLEY CRUE, probabilmente la band hard rock più selvaggia e dissennata che abbia mai calcato i palchi di tutto il mondo.

Tra gloria, eccessi e tragedie che lo hanno segnato in maniera irreparabile, questa è la vita di un uomo che ha vissuto il rock’n’roll al massimo ed è ancora in giro per raccontarlo.

www.tsunamiedizioni.com

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
Email
Print
Latest Posts
On Key

Related Posts

The first 21 - Nikki Sixx

Mötley Crue: in libreria “The First 21″, il nuovo libro di Nikki Sixx

E’ finalmente in Italia THE FIRST 21 – Come sono diventato Nikki Sixx, nuovo titolo della collana CHINASKI del Castello editore, che da oltre un anno racconta le vite e le carriere dei più acclamati musicisti internazionali: personaggi che hanno segnato la loro epoca con riff incendiari e canzoni epocali.

London: una palestra per giovani rockstar

London: una palestra per giovani rockstar

In 42 anni di attività nessuno ha veramente creduto in loro, nemmeno chi ci suonava.
Ciò nonostante i London non si sono mai arresi e sono riusciti a dare un contributo fondamentale alla storia del Glam Metal americano lasciandoci in eredità Don’t Cry Wolf, uno degli album più rappresentativi del genere.

Wicked Kin "Born Killers"

Wicked Kin “Born Killers”

Prevedibili e per nulla originali, i Wicked Kin incisero un disco gradevole frutto della “rottamazione” grunge degli anni 90.

Disclaimer

SLAM! non intende violare alcun copyright. Le informazioni e le immagini raccolte sono al meglio della nostra conoscenza, di pubblico dominio e sono riportate al fine di diffondere notizie relative agli artisti e alla musica rock, senza nessun scopo di lucro. Se, involontariamente è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge si prega di comunicarcelo e provvederemo immediatamente a rimuoverle.