Home news Per David Lee Roth troppa “esposizione” fa male

Per David Lee Roth troppa “esposizione” fa male

152
0

Duranate una recente trasmissione televisiva, il frontman dei Van Halen crede ci sia un limite all’esposizione mediatica che il suo gruppo deve avere.

La sua teoria è che le apparizzioni della band dovrebbero essere come quelle dei film di James Bond: “Nei primi 15 anni siamo stati in tour costantemente. Eravamo ovunque. Ora siamo su quella che io definisco la pianificazione di James Bond. I film di James Bond escono solo ogni tre anni o giù di lì, così poi uno si chiede “Cosa ha fatto in questo periodo?”“.

Il cantante ha proseguito parlando della sua infanzia: “Volevo essere come nei nei libri. Volevo essere un pirata. Ho voluto lavorare su una piattaforma petrolifera in Oklahoma…

Nel mentre l’ex frontman dei Van Halen, Sammy Hagar, ha ammesso di sperare di riaccendere la sua amicizia con Eddie Van Halen, mentre l’ex-bassista Michael Anthony si è detto “lusingato” di una possibile reunion.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=vgUoijmtZNc&feature=youtu.be’]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.